News

Saluto del nuovo Presidente Stefano Mei 22/03/2017
mei

In occasione dell'Assemblea Elettiva ho presentato un programma che, seppur non particolarmente articolato, rappresenta un impegno concreto sui punti focali che guideranno la mia presidenza nei prossimi quattro anni. In primo luogo ritengo assolutamente necessario ritrovare quella coesione che si è persa nell'ultima parte dello scorso quadriennio. Troppe dispute personali hanno travalicato i limiti, andando ad avvelenare la vita associativa a scapito di quel bene comune che dovrebbe guidare l'azione di ogni socio. Non volendo entrare in ambiti che non mi competono, ritengo che sia prioritario ripartire da quei valori che hanno dato vita al nostro prezioso sodalizio. Lealtà, onore e coesione saranno i principi cardine a cui dovranno ispirarsi i rapporti sia a livello centrale che territoriale, così da recuperare quel clima di armonia indispensabile a poter operare con coesione e profitto. Da parte mia posso garantire che metterò l'esperienza maturata come atleta, arrivando a disputare due edizioni dei Giochi Olimpici e impormi a livello internazionale, come dirigente, nella cui veste ho ricoperto incarichi apicali in ambito istituzionale e federale, e come professionista, da molti anni impegnato al servizio dei cittadini come pubblico ufficiale, al servizio della gloriosa Associazione che mi onoro di presiedere. Credibilità personale e dell'intera Associazione che andrà fatta valere, in primo luogo, nei confronti del CONI, per ribadire quale sia il nostro ruolo all'interno del panorama sportivo nazionale in generale e nel mondo delle Benemerite nello specifico. Un ruolo che dovrà essere difeso e valorizzato per tornare ad essere protagonisti nella promozione dei valori dello sport e nella tutela della gloriosa maglia, bene supremo che noi tutti abbiamo l'onore e l'onere di rappresentare. In questo senso ritengo strategico riuscire ad allargare la nostra base tra gli azzurri under-40, così da poter aumentare il nostro “peso” istituzionale ed essere maggiormente presenti all'interno della società. In ultimo, ma non certo di importanza, darò il mio contributo nel percorso di modernizzazione intrapreso e nella ricerca di nuovi sponsor, capaci di sostenerci nel cammino verso una sempre maggiore indipendenza di bilancio. Infine rivolgo un particolare ringraziamento a Gianfranco Baraldi, da cui con orgoglio ricevo il testimone, e tutti i delegati intervenuti a Travagliato con i quali, da oggi, parte un percorso comune che deve vederci tutti protagonisti.