News

Dipingi il tuo Sport 11/06/2017
premiazione

Tre al momento sono le state le aree territoriali interessate nel 2017 allo svolgimento delle iniziative che, all’insegna della denominazione "Dipingi il tuo Sport", hanno coinvolto centinaia di studenti delle scuole elementari nelle province di Firenze, Venezia, Messina.
Alle scuole è stato proposto il tema nell’intento di contribuire all’approfondimento ed alla alfabetizzazione di base per quanto riguarda la conoscenza dello sport, in particolare di tutte le discipline sportive che spesso sono meno alla ribalta dei media. Lo svolgimento delle Olimpiadi di Rio, che molti hanno seguito in televisione, è stato l’evento stimolatore di sana curiosità che ha portato giovani e giovanissimi al di là delle barriere della non conoscenza, e che ha indotto tramite l’ANAOAI a rappresentare in questo “compito in classe” quelli che certuni, con grande disappunto dei praticanti, definiscono sport minori. Cogliamo qui l’occasione per esprimere il nostro dissenso più totale su questa abitudine, che hanno i più superficiali, che porta a dare un maggior valore alle discipline in cui la pratica sportiva si associa a cronache , spesso gossippare, rispetto a quelle in cui la completezza dei gesti fisici e tecnici o l’adozione di strategia di squadra, possono essere elementi validi parimenti, o in maniera superiore, ai fini dell’educazione delle persone al movimento, ed anche alla competizione per affrontare con più tenacia le problematicità che ci riserva la vita.
Agli studenti è stato trasmesso un regolamento a cui attenersi e una volta da questi realizzate le opere si è provveduto a classificare i più meritevoli con criteri simili – indicati nel regolamento stesso – ma diversi nelle modalità di coinvolgimento dei selezionatori con la “matita rossa”.
Per l’edizione di Firenze si sono costituite varie giurie che dopo un primo giudizio da parte degli azzurri gigliati erano poi sempre più qualificate (olimpici, olimpionici, campioni del mondo) per decretare i primi tre in classifica (poi, dal punto di vista dell’elargizione di piccoli oggetti di carattere sportivo, c’è stato un allargamento ai primi dieci). A Venezia la giuria, presieduta dalla campionessa paralimpica Sandra Truccolo, è stata costituita dagli azzurri del territorio, in primis il presidente della sezione di Venezia Roberto Chimisso ed il vulcanico olimpionico Daniele Scarpa. A Taormina/Giardini Naxos sono stati giudici speciali i giornalisti dell’USSI abituati a commentare professionalmente gli sport praticati, che, in questo caso, venivano solo rappresentati graficamente (ed anche con dei temi perché in questo ambito si è proposta anche una traccia sulla quale elaborare le proprie opinioni sulle funzioni dello sport). Per tutte e tre le manifestazioni gli organizzatori hanno provveduto anche, per dare maggiore peso specifico all’iniziativa e per favorire un contatto diretto dei giovani studenti con i grandi campioni del passato, ad abbinare il concorso grafico ad altre attività inerenti.