NOVARA. Il nuovo quadriennio olimpico

Nella sua ampia relazione morale, perno dell’assemblea, Contaldo ha puntato sul valore etico dello sport, che oggi «ha bisogno dell’irruzione di un nuovo umanesimo. Ciò che le persone, specialmente i giovani, chiedono oggi allo sport è di dare innanzitutto senso alla loro vita. Per essere socialmente significativo, allora, lo sport deve diventare principio generativo di relazioni, stile di vita, comportamento, dialogo, partecipazione, cittadinanza attiva». Purtroppo, nella realtà, lo sport viene preso in considerazione solo quando costituisce attività economica. «Noi però sappiamo – ha precisato il Presidente degli Olimpici e Azzurri novaresi – che c’è sempre un valore sociale, assolutamente da considerare. In tal senso, fondamentale è il ruolo delle società sportive, dei club, degli oratori: in essi, l’importanza formativa dello sport acquista la sua dimensione di maggior efficacia, poiché diventano luogo di orientamento, ascolto, accoglienza e recupero».

Lo sport – a parere di Contaldo – ha bisogno di educatori, non di prestatori d’opera. «Dobbiamo chiedere loro di essere ben più che maestri di un gesto tecnico, ma di mettersi al sevizio di un nuovo progetto sportivo. Se volessimo sintetizzare il ruolo più vero dello sport, diremmo che esso consiste nell’educare al valore della vita attraverso una competizione virtuosa. Il nostro sodalizio ANAOAI – ha sottolineato il Presidente della Sezione Anaoai della Provincia di Novara – ricopre un ruolo importante come esempio alle giovani generazioni di sportivi ed è per questo motivo che esorto i soci alla riflessione sul senso di appartenenza. Ricordiamoci sempre cosa abbiamo rappresentato da atleti, tecnici, dirigenti. Ma il distintivo che portiamo al petto rappresenta un valore complessivo più alto e si racchiude nella nostra Maglia Azzurra».

Alla relazione, approvata per acclamazione, è seguito l’elenco dettagliato delle tante attività svolte dalla Sezione nell’anno trascorso, anche in collaborazione con altri sodalizi come Panathlon e Unvs. Poi l’assemblea (condotta da Peppino Giamminola, Presidente della Federtwirling) ha votato sia per la presidenza sia per il nuovo Consiglio Direttivo che coadiuverà Massimo Contaldo, composto da Pietro Bianchi (Sport paralimpici), Ketty Castellin (Twirling), Ugo Concialdi (Sport paralimpici), Mario Conti (Judo), Pippo Fallarini (Ciclismo), Luisa Milanoli (Scherma), Cosimo Pinto (oro olimpico di Pugilato), Ivana Vaccaroli (Twirling). Presidente onorario è Mario Armano (oro olimpico di Bob).

Durante il convivio, Massimo Contaldo ha premiato Mario Conti per il suo fresco titolo di Maestro benemerito 7° dan di judo.

Da notare che il novarese Roberto Vanoli (Azzurro per il Bob) è stato rieletto l’8 dicembre nel Consiglio Nazionale ANAOAI tenutosi ad Abano Terme, mentre Giuliano Koten (pioniere in campo nazionale e internazionale del movimento paralimpico, con partecipazione diretta a ben sei Paralimpiadi) aveva deciso che fosse il momento di non riproporsi più nel direttivo nazionale, dopo anni di impegno anche su questo fronte.

Nello stesso mese, Contaldo riceveva il diploma di Benemerenza della Federginnastica presso il Salone d’Onore del Coni.

Paolo Bossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *